Contenuto principale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Era tempo che volevamo provare La Zucca, ristorante di Venezia che ci è stato consigliato da diversi veneziani Doc e anche da ristoratori. Abbiamo dovuto rimandare diverse volte perché i 35 coperti a disposizione non sono molti e la fama del ristorante fa si che la prenotazione, almeno per la sera, sia quasi obbligatoria.

Credo sia indispensabile cominciare descrivendo l'ambiente, davvero particolare e suggestivo, sia per quanto riguarda la posizione romantica del ristorante, con le finestre che si affacciano sul canale, che per l'arredamento interno: un ambiente caldo, accogliente, le pareti rivestite di doghe di rovere montate trasversalmente, illuminazione perfetta, tante piante e quadri con zucche di tutte le dimensioni valgono una promozione a pieni voti.

 

 

 

Altro aspetto lodevole de La Zucca è il rapporto qualità prezzo, spendere una trentina di euro a Venezia ci era già capitato, ma mai in un ristorante del genere che propone piatti sofisticati e ben realizzati.

La Zucca infatti si presenta con un menu ricercato dove le verdure - e la zucca - la fanno da padrone. Uno dei pochi ristoranti a Venezia dove i vegetariani si possono trovare a loro agio e dove il pesce - incredibile a dirsi in laguna - non è neanche contemplato.

Badate bene, ci sono anche piatti di carne, come il patè di fegatini al marsala (9 euro), le tagliatelle al ragout d'anatra allo zibibbo (10), il petto d'anatra glassata all'arancia (20), il coniglio arrosto con cipolline all'aceto balsamico (20), l'arista brasata alle prugne (20) e le guancette di manzo brasato al Cabernet con polenta (20), ma i piatti di verdura sono preponderanti e spesso preparati con una certa originalità.

 

 

 

Ad esempio particolarmente convincenti ci sono sembrati il flan d zucca con ricotta stagionata (10) e lo sformatino di carciofi con crema di pecorino (che noi abbiamo riprovato a rifare a casa, clicca qui per la ricetta). Sapori bilanciati con maestria, senza preponderanza di uovo (come spesso accade nei flan e tortini poco riusciti), impiattati con eleganza.

 

 

 

Tanti i contorni di verdure di stagione, con abbinamenti spesso molto riusciti e creativi come nel caso del cavolo romano gratinato con mandorle e pecorino (6), la cicoria e spinaci padellati con prugne (6), le carote al curry e yogurt (7), le cipolline glassate al prosecco (6), gli Champignon farciti al forno (6).

 

 

Per quanto riguarda i dolci troverete degli abbinamenti classici (abbiamo trovato meno orginalità che nel resto del menu) come la mousse al cioccolato e Baicoli (7), più convincente il semifreddo allo zabaione e meringhe (7).

 

 

 

Ottima la carta dei vini, con ricarichi non eccessivi e numerosi vini alla mescita.

 

 

Il ristorante è facilmente raggiungibile (10 minuti a piedi) da Piazzale Roma o la stazione e si presta bene per una serata di passaggio a Venezia.

La lista dei ristoranti dove tornare a Venezia si è allungata. E quando dovrò consigliare un ristorante a Venezia la Zucca sarà nei primissimi posti della lista grazie alla sua affascinante atmosfera e ad una proposta culinaria interessate e realizzata con maestria.

Bisogna solo ricordarsi di prenotare perché è dal 1980 che i Veneziani si sono accorti di questo affascinante ristorantino.

 

 

 

Ristorante La Zucca

SERVIZIO: gentile

PARCHEGGIO: dentro il canale

PREZZO: 30 euro

BAGNO: pulito

INDIRIZZO: Santa Croce 1762 Venezia

TELEFONO: 0415241570

GIORNO DI CHIUSURA: DOMENICA aperto pranzo e cena

POSITIVO: proposte vegetariane interessanti, ristorante vicino alla stazione di Venezia, atmosfera elegante, prezzo competitivo, ristorante non di pesce a Venezia

NEGATIVO: prenotazione quasi obbligatoria

PIATTO DA NON PEDERE: flan di zucca e sformatino di carciofi

 

Comments powered by CComment