Contenuto principale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

PREMESSA AMOROSA SULLE MARMELLATE: Dovete sapere che sono anni che giro intorno alle marmellate e la prima che ho fatto è stata la Gelatina di Ribes (per la ricetta clicca qui). Sabine, l'amica di mio fratello del Friuli, ce ne aveva regalato parecchi anni fa un vasetto - mai dimenticato - fatto con i ribes del loro giardino in montagna. Neanche vi racconto lo splendore di quella gelatina buonissima, trasparente e color del vino... e da lì è iniziata una segreta passione di imbarattolare un po' di frutta estiva per dare colore alle colazioni invernali (non sapete che birvido di soddisfazione aprire gli armadietti della cucina e trovarli pieni di barattoli fatti con le proprie mani).

Approcci diversi e - a volte - geniali sono venuti dal cavoletto di bruxelles (grazie Sigrid!) fino ad approdare alla maestra di confetture alsaziana che è Christine Ferber (pare che persino Brad Pitt non possa fare a meno di suoi deliziosi barattolini) e gli ultimi risultati sono stati davvero notevoli, per cui continuerò, continuerò e continuerò. Ricordate solo una regola fondamentale della Sig.ra Ferber  " La confettura è anche una scuola di pazienza".

Oggi vi propongo la CONFETTURA DI MORE, rigidamente da raccogliere a mano dai rovi spinosissimi: l'orgoglio è parte integrante del sapore, altrimenti godrete solo a metà quando la spalmerete sul pane...

INGREDIENTI

  • 1 Kg di more mature
  • 700 gr di zucchero semolato
  • il succo di un limone
  • mezzo grano di pepe lungo della Cambogia (non obbligatorio!)
  • 17 gr di pectina 2:1 (n.b. la pectina è una sostanza naturale che si trova nella frutta in diverse quantità (le mele cotogne ne hanno più di tutti) e viene aggiunta alle si trova da Castroni e nei supermercati: attenzione alla proprozione!)

Selezionate le more, eliminando quelle un po' troppo andate o ancora rossastre e togliete gli eventuali piccioli.

Lavatele sotto l'acqua fresca, con delicatezza senza romperle e scolatele bene.

In una ciotola di ceramica mescolate le more, lo zucchero e il succo del limone precedentemente privato dei semi. Mescolate con un mestolo di legno finchè lo zucchero non si sarà bene intriso dei succhi e poi passate il tutto al passaverdure per eliminare i semini.

 

 

 

 

 

 

Aggiungete il pepe lungo della cambogia pestato al pestello oppure tagliato finemente al coltello

Mettete sul fuoco (possibilmene in una pentola rivestita di ceramica) e portate quasi al bollore, deve "fremere" e poi rimettete nella ciotola.

Coprite con carta da forno e mettete in frigo a riposare per una notte.

Il giorno seguente filtrate il composto al colino, per elimiare i semi residui, aggiungere la pectina, rimettete sul fuoco e portate tutto al bollore.

Fate bollire dai 3 ai 7 minuti, verificandone la consistenza (mettetene una goccia su un piattino lasciate freddare ed inclinate il piatto per vedere se è sufficientemente densa per i vostri gusti).

 

 

 

Invasate nei barattoli precedentemente sterilizzati, sigillate, capovolgete e fare raffreddare. Si conserva per un anno intero.

 

 

STERILIZZAZIONE BARATTOLI - da cominciare prima di fare la marmellata, dovranno essere pronti al momento giusto.

Prendete dei barattoli con tappo (sia quelli bormioli oppure quelli recuperati dai barattoli di casa), rimuovete le etichette e lavateli bene (meglio se in lavastoviglie).

Copriteli d'acqua e fate bollire barattoli e tappi per 5-10 minuti, nel mentre scaldate il forno a 190°C. Togliete i barattoli dall'acqua  e metteteli a testa in su in una teglia in forno e lasciateli lì per altri dieci minuti ed ecco i vostri barattoli sterilizzati.

 

Tirateli fuori da forno e riempiteli di marmellata, pulite il bordo con un panno pulito, sigillate subito, capovolgere e far freddare per creare il vuoto.

Comments powered by CComment